Io (non) ricordo – Storie partigiane

ANNULLATO
Nel cortile di Villa MarazzaControvento presenta
Io (non) ricordo – Storie partigiane
Per prenotarsi: clicca qui!

“Io non ricordo” è un allestimento teatrale, con testi e musiche originali, liberamente tratto da alcuni libri
editi sulle vicende di alcuni personaggi della Resistenza del nostro territorio.
Rivisto in chiave romanzata, l’autore dello spettacolo e dei brani musicali, Pier Gaido, ha messo in scena
un dialogo tra nonno e nipote, quest’ultimo preoccupato per l’incipiente malattia del nonno, che
nonostante le difficoltà, ricorda invece in modo naturale e fluente tutte le vicende della guerra che lo
hanno visto protagonista insieme ai suoi compagni di allora.
L’azione si svolge ai nostri tempi e si intreccia alla nuova condizione del protagonista, ormai in età
avanzata, che si ritrova a scontrarsi con la perdita di memoria, causata dalla mutazione del gene EOA-23,
una fittizia variante dell’Alzheimer.
I ricordi del passato sono però ancora vividi e pregni di quel dolore vissuto sulla propria pelle, con i
compagni di battaglia e con le varie persone incrociate durante quel periodo, che a tratti si impersonano
nella narrazione, per avvalorare il racconto del protagonista.
Gli aneddoti e le situazioni che vengono inscenate sono state romanzate e adattate al territorio di
appartenenza del gruppo Controvento, ed ambientate per lo più a Gargallo e dintorni, anche se nella
realtà non sono fisicamente avvenute in questi luoghi. Lo spunto per narrare e ricordare come questi
giovani di allora, da tutta Italia, hanno raggiunto le zone montane e hanno scelto di “parteggiare”, di non
stare solo a guardare passivamente ciò che stava accadendo, ma di mettersi in gioco personalmente, fino a
dare la propria vita per la libertà di tutti.
Alcuni brani musicali, completamente inediti, arricchiscono e completano lo spettacolo.
In scena, i due protagonisti principali (nonno e nipote), coadiuvati da tre musicisti e due vocalist, per un
totale di sette persone.

Io (non) ricordo – Storie partigiane
Tags: